Negozi di giochi e giocattoli aperti nel rispetto del Dpcm

9 novembre 2020
Secondo il Dpcm del 3 novembre 2020 tutti i negozi che trattano giochi e giocattoli, cartoleria e forniture per ufficio, confezioni e calzature per bambini e neonati e articoli per l’illuminazione restano aperti e possono continuare a vendere anche nelle regioni in zona rossa.
In un contesto sanitario tutt’altro che positivo e nel pieno rispetto della sicurezza personale, per il settore da noi rappresentato arriva “una buona notizia”. Secondo le disposizioni contenute nel recente Dpcm il “giocattolo” e alcuni articoli dedicati alla “prima infanzia” vengono considerati beni essenziali, questo per maggior praticità si traduce nella possibilità di mantenere aperti gli esercizi commerciali che trattano questi prodotti, anche nelle zone rosse.

Il Direttore di Assogiocattoli Maurizio Cutrino commenta: "Siamo stati molto contenti nell’apprendere che il Governo abbia dato ascolto ai nostri numerosi appelli e riconosciuto l’importanza educativa e sociale del gioco, sia per i bambini ma anche per gli adulti. Soprattutto in un momento difficile come questo, dove è più che mai importante trovare un equilibrio ed una stabilità diversa rispetto a quelle che sono le normali abitudini di tutti".

In una lettera inviata al Governo e al Ministero delle Pari Opportunità e della Famiglia, il Presidente di Assogiocattoli Roberto Marelli ha richiesto che sia ammessa per coerenza, nonché per analogia distributiva, anche la vendita di articoli per la prima infanzia, quali passeggini, lettini e seggiolini auto.
Si tratta di articoli fondamentali per le famiglie per trasportare i bambini dall’ospedale a casa o per effettuare le visite mediche pediatriche, anche durante questo periodo di emergenza sanitaria.
LOGO
© Copyright 2020. IncartWeb.net - N.ro Iscrizione ROC 5836 - Privacy policy