Prevenzione della disgrafia con Stabilo

12 gennaio 2012
Continua l'impegno di Stabilo per lo sviluppo di una cultura del corretto modo di scrivere. Ieri, 11 gennaio 2012, si è tenuto il convegno “Dalla penna al mouse. La Disgrafia: prevenzione e rieducazione” allo Urban Center di Monza.

Stabilo, azienda leader mondiale nel settore evidenziatura, colore e scrittura (fonte: dati Gfk), ha sostenuto in veste di partner il convegno “Dalla penna al mouse. La Disgrafia: prevenzione e rieducazione”, tenutosi l’11 gennaio presso lo Urban Center di Monza.

.

.

Tra i relatori è intervenuto il dottor Christian Marquardt, neuroscienzianto tedesco, che ha illustrato i problemi legati ad una errata impugnatura degli strumenti da scrittura.
Gli studi medici effettuati dal Dottor Marquardt dimostrano infatti come pochissime persone sappiano impugnare la penna in modo corretto; i mancini, in particolare, tendono a compiere delle vere e proprie contorsioni.

"La prevenzione è importante, perché una scorretta impugnatura è spesso all’origine di problemi alla postura, alla vista e può essere causa di fastidiose cefalee".

Marquardt ha illustrato inoltre un programma da lui elaborato per analizzare le abilità motorie durante la scrittura: i movimenti vengono registrati da una tavoletta grafica e parametrati in base a velocità, accelerazione e pressione.

.

.

La collaborazione di Stabilo con il dottor Marquardt le ha permesso di essere la prima azienda del settore ad interessarsi alle problematiche collegate alla disgrafia. La linea Stabilo EASYergonomics experts è il risultato di questa collaborazione: penne, matite e pastelli ergonomici, ideali quindi per favorire la corretta postura, differenziati inoltre, per chi scrive con la destra e chi utilizza, invece, la mano sinistra.

.

.

Stabilo ha ulteriormente rafforzato il proprio impegno in tal senso, dando il via 2 anni fa a “Scrivo che è un piacere”, il progetto didattico rivolto alle prime 3 classi della Scuola Primaria e all’ultimo anno dell’Infanzia di tutta Italia che vuole e già al primo anno ha avuto una grande partecipazione: oltre 1.000 insegnati di 230 scuole italiane, coinvolgendo oltre 20.000 alunni e 40.000 genitori.

LOGO
© Copyright 2017 - Privacy policy