La penna stilografica: nascita ed evoluzione della penna per eccellenza

15 marzo 2022
La necessità potrebbe essere la madre dell'invenzione, ma di certo la frustrazione ne alimenta il fuoco, o almeno questo è stato il caso di Lewis Waterman, una delle figure cardine nella storia della penna stilografica.

Waterman era un broker assicurativo di New York; nel 1883, preparandosi a firmare uno dei suoi contratti più interessanti, ha comprato una nuova penna stilografica in onore dell'occasione. Poi, con il contratto sul tavolo e la penna in mano al cliente, la penna ha rifiutato di scrivere. Peggio ancora, l’inchiostro è effettivamente trapelato sul prezioso documento.

Inorridito, Waterman è tornato di corsa nel suo ufficio per un altro contratto, ma nel frattempo un broker concorrente ha concluso l'accordo. Determinato a non subire mai più una simile umiliazione, Waterman iniziò a produrre le sue penne stilografiche nell'officina di suo fratello.

 

LE PRIME PENNE STILOGRAFICHE

Gli strumenti di scrittura progettati per trasportare la propria scorta di inchiostro esistevano in linea di principio da oltre 100 anni prima che Waterman decidesse di migliorare il concetto.

I primi inventori notarono l'apparente riserva di inchiostro naturale trovata nel canale cavo di una piuma d'uccello. Hanno cercato di produrre un effetto simile, creando una penna artificiale che contenesse più inchiostro e non richiedesse l'immersione costante in un calamaio. Ma una piuma non è una penna, e riempire di inchiostro un lungo serbatoio sottile di gomma dura e attaccare un "pennino" di metallo sul fondo non era sufficiente per produrre uno strumento da scrittura efficace.

La più antica penna stilografica conosciuta - ancora in circolazione oggi - fu progettata da Nicolas Bion, un francese, nel 1702. Peregrin Williamson, un calzolaio di Baltimora, ricevette il primo brevetto americano per una penna del genere nel 1809. John Scheffer ricevette un brevetto britannico nel 1819 per una penna metà penna e metà metallo che ha tentato di produrre in serie. John Jacob Parker brevettò la prima penna stilografica a riempimento automatico nel 1831. La maggior parte di queste fu afflitta da fuoriuscite di inchiostro come quella vissuta da Waterman, e altri fallimenti le resero poco pratiche e difficili da vendere.

Le prime penne del XIX secolo utilizzavano un contagocce per riempire il serbatoio. Nel 1915, la maggior parte delle penne era passata a sacchi di gomma morbidi e flessibili auto-riempitivi: per ricaricare queste penne, i serbatoi venivano schiacciati da una piastra interna; quindi, il pennino della penna veniva inserito in una bottiglia di inchiostro e veniva rilasciata la pressione sulla lastra, in modo che la sacca si riempisse aspirando una nuova scorta di inchiostro.

 

PENNA STILOGRAFICA DI WATERMAN

Waterman ha utilizzato il principio della capillarità per creare la sua prima penna: utilizzava l'aria per indurre un flusso d'inchiostro costante e uniforme. La sua idea era quella di aggiungere un foro per l'aria nel pennino e tre scanalature all'interno del meccanismo di alimentazione. Battezzò la sua penna "la Regolare" e la decorò con accenti di legno, ottenendo un brevetto nel 1884.

Nel suo primo anno di attività, Waterman ha venduto le sue penne fatte a mano dal retro di un negozio di sigari. Ha garantito le penne per cinque anni e ha fatto pubblicità su una rivista alla moda, The Review of Review. Gli ordini iniziarono a crescere, e nel 1899, dopo 15 anni di sattività, aveva aperto una fabbrica a Montreal e offriva una grande varietà di modelli.

Waterman morì nel 1901 e suo nipote, Frank D. Waterman, portò l'attività all'estero, aumentando le vendite a 350.000 penne all'anno. Il Trattato di Versailles è stato firmato utilizzando una penna Waterman in oro massiccio, ben diversa da quella con cui Waterman, un giorno aveva perso il suo importante contratto.

 

PENNA STILOGRAFICA DI WILLIAM PURVIS

William Purvis di Filadelfia inventò e brevettò miglioramenti alla penna stilografica nel 1890. Il suo obiettivo era quello di creare una "penna più resistente, economica e migliore da portare in tasca". Purvis ha inserito un tubo elastico tra la punta della penna e il serbatoio dell'inchiostro che utilizzava un'azione di aspirazione per restituire l'inchiostro in eccesso al serbatoio, riducendo le fuoriuscite di inchiostro e aumentandone la longevità.

Purvis ha anche inventato due macchine per la produzione di sacchetti di carta che ha venduto alla Union Paper Bag Company di New York, oltre a una chiusura per borse, un timbro a mano autoinchiostrante e diversi dispositivi per le ferrovie elettriche.

 

ALTRI BREVETTI E MIGLIORAMENTI PER LE PENNE STILOGRAFICHE

Le diverse modalità di riempimento dei serbatoi si sono rivelate una delle aree più competitive nel settore delle penne stilografiche. Diversi brevetti sono stati rilasciati nel corso degli anni per i modelli di penne stilografiche auto-riempitive:

Button Filler: brevettato nel 1905 e offerto per la prima volta dalla Parker Pen Company nel 1913, questo era un'alternativa al metodo del contagocce. Un pulsante esterno collegato alla piastra di pressione interna che appiattisce la sacca d'inchiostro quando viene premuto.

Riempitore a leva: Walter Sheaffer brevettò il riempimento a leva nel 1908. La WA Sheaffer Pen Company di Fort Madison, Iowa lo introdusse nel 1912. Una leva esterna abbassava la sacca flessibile dell'inchiostro. La leva si adattava a filo con il fusto della penna quando non era in uso. Il caricamento a leva è stato il design vincente per le penne stilografiche per i successivi 40 anni.

Click Filler: chiamato per la prima volta il riempitivo a mezzaluna, Roy Conklin di Toledo ha prodotto commercialmente la prima penna di questo tipo. Un design successivo della Parker Pen Company utilizzava anche il nome "click filler". Quando due linguette sporgenti all'esterno della penna sono premute, la sacca dell'inchiostro si è sgonfiata. Le schede emettevano un clic quando la sacca era piena.

Matchstick Filler: questo riempitivo è stato introdotto intorno al 1910 dalla Weidlich Company. Una piccola asta montata sulla penna o un comune fiammifero abbassava la piastra di pressione interna attraverso un foro sul lato della canna.

Coin Filler: questo è stato il tentativo di Waterman di competere con il brevetto vincente di riempimento a leva che apparteneva a Sheaffer. Una fessura nel fusto della penna consentiva a una moneta di sgonfiare la piastra a pressione interna, un'idea simile al riempitivo a fiammifero.

I primi inchiostri causavano una rapida corrosione dei pennini in acciaio e i pennini in oro resistevano alla corrosione. L'iridio utilizzato sulla punta del pennino alla fine ha sostituito l'oro perché l'oro era troppo morbido.

 

La maggior parte dei proprietari aveva le proprie iniziali incise sulla clip. Ci sono voluti circa quattro mesi per inserire un nuovo strumento di scrittura perché il pennino era progettato per flettersi quando veniva esercitata pressione su di esso, consentendo allo scrittore di variare la larghezza delle linee di scrittura. Ogni pennino si consumava, assecondando lo stile di scrittura di ogni proprietario. Le persone non prestavano le loro penne stilografiche a nessuno per questo motivo.

 

La cartuccia d'inchiostro introdotta intorno al 1950 era una cartuccia di plastica o vetro usa e getta preriempita e progettata per un inserimento facile e pulito. Fu un successo immediato, ma l'introduzione delle penne a sfera mise in ombra l'invenzione della cartuccia e prosciugò gli affari per l'industria delle penne stilografiche. Le penne stilografiche vengono vendute oggi come classici strumenti di scrittura, o per affinare la grafia, e le penne originali sono diventate oggetti da collezione.

Tags: penne
LOGO
© Copyright 2022. IncartWeb.net - N.ro Iscrizione ROC 5836 - Privacy policy