Il passaggio dalla stampa laser a quella a getto d'inchiostro può far risparmiare 1,3 milioni di tonnellate di anidride carbonica all'anno

12 luglio 2022
Secondo un recente studio del dott. Tim Forman, Università di Cambridge, per conto di Epson. Il progetto mostra che la scelta consapevole della tecnologia ha un impatto sull'equilibrio ambientale e contribuisce in modo importante allo scenario netto zero dell'Agenzia internazionale per l'energia, IEA.

Il calo delle emissioni di CO2 equivale alle emissioni di oltre 280.000 auto in un anno. Un altro risultato della ricerca è che la tecnologia a getto d'inchiostro può essere fino al 90% più efficiente dal punto di vista energetico rispetto alla tecnologia laser, a seconda del tipo di stampante e dei modelli di utilizzo. Lo studio è stato condotto nell'ambito della campagna "Turn Down the Heat" di Epson. Questo si impegna a proteggere i suoli da permafrost in tutto il mondo e viene implementato in collaborazione con National Geographic.

 

La strada per lo zero netto

Nel 2021 l'Agenzia Internazionale dell'Energia (IEA) ha presentato il programma “Net Zero entro il 2050” (Net Zero entro il 2050). Include una tabella di marcia con più di 400 traguardi per raggiungere emissioni nette zero entro il 2050. Per l'AIE, il raggiungimento di emissioni nette zero è un prerequisito per il raggiungimento degli obiettivi climatici, in particolare l'obiettivo di 1,5 gradi. In questo lavoro, Tim Forman, Senior Research Associate presso l'Università di Cambridge, ha anche esaminato di quanto dovrebbe diminuire il consumo energetico globale di tutti i dispositivi elettronici per rimanere sulla rotta verso uno scenario netto zero. Il risultato: ciò che serve è una riduzione media dei valori di consumo dal 2020 di circa il 25 per cento entro il 2030 e di circa il 40 per cento entro il 2050.

“Il nostro progetto di ricerca ha dimostrato che un futuro netto zero della stampa è possibile se gli utenti a casa e in ufficio passano a una tecnologia ad alta efficienza energetica e, inoltre, riducono le emissioni di CO₂ associate alla produzione di questi prodotti. Abbiamo bisogno di più iniziative per diffondere la tecnologia verde in tutti gli elettrodomestici della casa, come TV, lavatrici, frigoriferi e forni, per raggiungere emissioni nette zero entro il 2050", ha affermato Forman. "Per prevenire i peggiori scenari climatici, è fondamentale migliorare ulteriormente l'efficienza energetica dei dispositivi elettronici e ridurre la domanda di energia per la loro produzione".

 

Un invito all'azione

Lo studio chiarisce che un futuro netto zero nel segmento della stampa può essere raggiunto solo con un passaggio completo a prodotti ad alta efficienza energetica, come la tecnologia a getto d'inchiostro. Delinea tre modi per ottenere un cambiamento globale:

 

Innovazione tecnologica: con il proliferare di dispositivi elettronici di ogni tipo, la riduzione delle emissioni di CO₂ dipende da standard tecnici più severi per l'efficienza energetica e una produzione a minor consumo energetico. Un esempio dei progressi del settore è la tecnologia di stampa a getto d'inchiostro senza calore di Epson. Le stampanti a getto d'inchiostro Epson non richiedono calore per trasferire l'inchiostro sulla carta. Invece, la tensione viene applicata a un elemento piezoelettrico, che deforma ed espelle l'inchiostro attraverso l'ugello.

Cooperazione internazionale: è necessaria una maggiore cooperazione internazionale per incoraggiare l'introduzione di apparecchi più efficienti e marchi di qualità ecologica più efficaci. Solo in questo modo sarà possibile accelerare le misure rispettose del clima e mantenere bassi i costi per dispositivi efficienti.

Cambiamento del comportamento: quando ogni persona nel mondo contribuisce in modo positivo, si somma enormemente. Optando per la tecnologia senza calore quando si sostituisce un sistema di stampa esistente, gli utenti contribuiscono a ridurre il consumo di elettricità e le relative emissioni di gas serra. Anche la scelta di una stampante per serbatoi d'inchiostro è un'opzione sostenibile. Migliora, inoltre, l'efficienza e la produttività e consente risparmi finanziari a lungo termine.

Henning Ohlsson, Direttore della Sostenibilità di Epson Europe: “Possiamo prendere decisioni migliori se ascoltiamo la scienza e diventiamo consapevoli dell'impatto delle nostre azioni, ad esempio attraverso la scelta della tecnologia utilizzata. Questo è esattamente lo scopo di questo studio: ampliare le nostre conoscenze e mostrare come anche un piccolo cambiamento possa avere un impatto positivo sul percorso verso lo zero netto. Siamo consapevoli che le soluzioni di stampa sono solo una piccola parte del quadro generale. Ma se riduciamo il consumo energetico di tutti i dispositivi elettrici, sia domestici che aziendali, possiamo contribuire insieme a una maggiore protezione del clima”.

 

Informazioni sulla metodologia

Oltre a confrontare semplicemente il consumo energetico delle stampanti laser e a getto d'inchiostro, l'analisi dell'impatto del passaggio dalle stampanti laser a quelle a getto d'inchiostro tiene conto anche della durata dichiarata di queste stampanti, sulla base dei più recenti metodi di test Energy Star.

La metodologia di misurazione del consumo di elettricità tipico (TEC) Energy Star versione 3.0 è il metodo standardizzato leader del settore per confrontare le prestazioni energetiche dei dispositivi. Per le stampanti, la metodologia valuta le prestazioni energetiche dei prodotti in base a modelli di utilizzo standard, anche con un utilizzo diverso su un certo periodo di tempo.

LOGO
© Copyright 2022. IncartWeb.net - N.ro Iscrizione ROC 5836 - Privacy policy