Giocattolo: andamento di mercato e prospettive

7 novembre 2022
Tra crescita della domanda ed esplosione dei costi di produzione: facciamo il punto della situazione sull’andamento del mercato del giocattolo, in bilico tra trend d’acquisto positivi e rincari vertiginosi di materie prime ed energia.

Nel 2021, ormai archiviato, e nella prima parte del 2022 il mondo del giocattolo ha sperimentato una ripresa straordinaria in termini di volumi. Ai dati d’acquisto, quanto mai positivi, si è però affiancato un incremento dei costi delle materie prime vertiginoso. Già “pre-bellum”, prima dello scoppio della guerra tra Russia ed Ucraina, il rincaro delle materie prime si aggirava intorno al 40/50%. Una crescita spaventosa dei costi che i produttori hanno deciso in gran parte di assorbire. A questo rincarno nella produzione, infatti, corrisponde una crescita di prezzo al consumatore finale pari al 15% circa. Questo ha permesso di evitare la flessione di mercato ma ha ridotto sensibilmente se non annullato i margini dei produttori.

Con il 2022 si ha avuto un ulteriore incremento, con il prezzo carta e cartone raddoppiato dall’anno precedente, un aumento che invece di essere seguito da un ribasso, si è stabilizzato. Ulteriore problema per i produttori, come noto, è il prezzo dell’energia. In agosto il prezzo del KW/h ha registrato un prezzo di 12 volte superiore rispetto all’anno precedente (+1200%!). La voce “energia” è così passata dall’essere circa il 2/3% dei costi di produzione, a diventare il 20/35%. Questo è certamente un problema, soprattutto in rapporto alla concorrenzialità della produzione cinese che non sta vivendo alcuna crisi energetica (sia per motivi politici, che per tipo di risorse usate- molte industrie usano infatti il carbone).

Ad esacerbare ulteriormente la situazione è la contrazione della capacità di spesa, poiché le persone iniziano a sperimentare anche in prima persona i rincari. La possibile contrazione del mercato sarà sentita principalmente proprio in Italia ed Europa, dove – al contrario che negli Stati Uniti - non c’è abitudine all’acquisto a debito.

Questi dati, di certo non incoraggianti, vanno in parte ridimensionati, soprattutto per quanto riguarda la contrazione dei volumi. Il giocattolo, infatti, è sempre più percepito come bene primario, alla stregua dei consumi alimentari, e la necessità di qualità è quanto mai sentita dai genitori, che vogliono prodotti sicuri per i propri figli e con ogni probabilità tenderanno a fare rinunce (qualitative e quantitative) in altri campi d’acquisto, primo tra tutti quello dell’abbigliamento.

LOGO
© Copyright 2022. IncartWeb.net - N.ro Iscrizione ROC 5836 - Privacy policy