Cradle to Cradle

13 aprile 2022
La certificazione Cradle 2 Cradle – dalla culla alla culla – attesta un approccio sostenibile da parte delle aziende, dando visibilità e facilitando lo sviluppo della brand reputation.

Cradle to Cradle (nota anche come “dalla culla alla culla”, “C2C”  oppure “progettazione rigenerativa”) è un approccio innovativo e sostenibile volto alla realizzazione di prodotti. I modelli C2C hanno l’obiettivo di creare un sistema sostenibile che sia rispettoso della vita e delle generazioni future – come si può evincere dal nome, dalla nascita, o “culla” di una generazione a quella successiva.

Nell’industria, soprattutto in quella Statunitense, la C2C è molto utilizzata e spesso le aziende ottengono la certificazione Cradle to Cradle per avere un vantaggio competitivo in termini di Brand Reputation sulla concorrenza.

 

APPROCCIO METODOLOGICO

L’approccio metodologico Cradle to Cradle si basa su due sistemi diversi: il ciclo biologico e il ciclo tecnico. Ciclo Biologico:grazie a questo sistema i beni di consumo (e.g. fibre naturali, prodotti cosmetici, detergenti, ecc…) sono progettati in modo tale da poter essere riutilizzati più e più volte nel ciclo biologico. A tal fine, vengono scomposti in vari nutrienti che promuovono sistemi biologici come la crescita delle piante.

Le materie prime e le sostanze rinnovabili sono quindi a loro volta la base per nuovi prodotti, creando così un ecosistema circolare. Il ciclo tecnico: in questo sistema i beni di consumo (e.g. televisori, automobili, fibre sintetiche, …) vengono scomposti nei cosiddetti nutrienti tecnici solamente dopo che la loro funzione è stata adempiuta, consentendo così la produzione di nuovi beni di consumo. L’utente o consumatore utilizza solo il servizio corrispondente, ad esempio la ricezione televisiva. I materiali vengono mantenuti nel ciclo tecnico tramite sistemi di ritiro e riciclo.

 

LE 4 TEMATICHE

Tramite l’approccio Cradle to Cradle adotterai un cambiamento di visione che si distaccherà dal concetto di economia lineare (dalla culla alla tomba, o Cradle to Grave) e si avvicinerà ad una realtà basata sulla circolarità dei sistemi economici.

Queste differenti visioni danno vita a dibattiti, che sempre più coinvolgono persone transgenerazionali, con l’intento comune di salvaguardare l’ambiente. 

Questo interessamento da parte dell’opinione pubblica ha creato intorno alla Cradle to Cradle una serie di tematiche complementari alla metodologia fine a se stessa:

  • Differenziazione: Qualità = Quantità: la Cradle to Cradle trasmette il principio “Qualità uguale Quantità” all’interno del sistema industriale. I prodotti, insieme ai materiali che li compongono, sono pensati per essere utili alla rigenerazione e alla conservazione di risorse biologiche e tecniche. Questo approccio ti libera dall’obbligo di diminuire, ridurre o rallentare la necessità di ottenere un impatto ambientale negativo;

 

  • Eco-efficienza contro eco-efficacia: i termini “eco-efficienza” e “eco-efficacia” sono spesso considerati sinonimi, ma una grande differenza li separa. Principalmente l’eco-efficienza quantifica e definisce i problemi da ridurre (e.g. emissioni di gas serra), mentre l’eco-efficacia li qualifica (e.g. l’uso di anidride carbonica come nutriente) sulla base del concetto di End of Waste;

 

  • Riciclo – Upcycling: il mantenimento della qualità dei materiali e la relativa integrazione nella progettazione in molteplici Cicli di Vita dei prodotti rimane un’enorme sfida. Il riciclo convenzionale, nella maggior parte dei casi, tiene in considerazione di tutte le rimanenze inevitabili dovute al fine vita di un prodotto, comportando una perdita di qualità. Per ovviare a questo problema la Cradle to Cradle è alla ricerca di strategie per far sì che i materiali riescano a mantenere alti gli aspetti qualitativi del prodotto; 

 

  • Economia Circolare: l’approccio dell’Economia Circolare prende in considerazione gli aspetti economici del riciclo all’interno di una catena di valore aggiunto, con lo scopo di generare materie prime secondarie grazie al reimpiego di materiali all’interno di un flusso legato alla loro quantità impiegata nei nuovi prodotti. Tramite questa catena la Cradle to Cradle® riesce a preservare la qualità dei tuoi prodotti come anche il ritorno economico del riciclo. 

Il riutilizzo di prodotti Cradle to Cradle® permette di generare profitti idealmente vicini al prezzo di acquisto dei materiali. Se fossero necessari lavorazioni ulteriori o costi di pulizia, le spese dei materiali sarebbero in ogni caso più basse del prezzo di mercato. 

 

I livelli della Certificazione Cradle to Cradle

La certificazione, che un tuo prodotto potrebbe ottenere, è disponibile a diversi livelli: base, argento, oro, platino, con requisiti più o meno severi in base la tipo di livello.

I requisiti standard vengono sviluppati attraverso il coinvolgimento delle parti interessate con il contributo di esperti tecnici, di leader di mercato e del pubblico.

Il risultato della categoria più bassa di un prodotto (livello base) rappresenta anche il suo livello di certificazione generale. Questo incoraggia il miglioramento continuo nel tempo, essendo questa certificazione basata su una gerarchia di livelli crescenti. La certificazione va rinnovata ogni due anni.

Perchè certificarsi Cradle to Cradle

Fare riferimento alla Cradle to Cradle Certified Product Standard aiuta a comprendere quanto il processo di progettazione e realizzazione di prodotti possa essere trasformato al fine di avere un impatto positivo sulle persone e sull’ambiente.

Qualsiasi tipo di prodotto può ottenere la certificazione: dai profumi ai pavimenti, dalle magliette ai jeans, dalle bottiglie d’acqua ai trattamenti per le finestre. 

Inoltre, molte aziende e brand riconoscono la certificazione Cradle to Cradle come punto di riferimento per le decisioni di acquisto responsabile.

Aziende che non adotteranno una visione proiettata al futuro rimarranno sempre più in coda rispetto ad aziende che disegnano prodotti intelligenti e il più sostenibili possibile, diventando sostenitori e benefattori di legislazioni che promuovono la salute umana e ambientale;

  • Riduzione dei costi: la certificazione Cradle to Cradle mira ad eliminare la necessità di regolamentazioni basate sulla gestione dei materiali pericolosi, riducendo drasticamente i costi ad essa collegati. Il Ciclo di Vita dei prodotti, secondo i principi C2C, ridurranno il reperimento di materiali vergini nei processi di riciclaggio, abbassando i costi complessivi dei materiali e dei prodotti da essi generati. Differenziazione dei prodotti: la certificazione Cradle to Cradle® è diversa da altri approcci circolari alla sostenibilità perché, come afferma William McDonough: “Aiutiamo i nostri clienti a progettare prodotti e servizi di alta qualità che sono sicuri e sani per tutti e tutto e, come conseguenza, i nostri clienti offrono ai loro utenti eccellenza da tutti i punti di vista possibili.
LOGO
© Copyright 2022. IncartWeb.net - N.ro Iscrizione ROC 5836 - Privacy policy