Big Buyer 2017 chiama il mondo Stationery & Office!

9 novembre 2017
Mariella Nasi Pfeiffer e Simonetta Pfeiffer, rispettivamente Presidente e Direttore Generale di Epieffe Srl, organizzatore della kermesse, ci raccontano quali sono le novità che i professionisti del settore italiani e internazionali possono aspettarsi dall’edizione 2017 di Big Buyer, a BolognaFiere dal 22 al 24 novembre.
Big Buyer giunge nel 2017 alla sua 22esima edizione. Qual è oggi l’identikit di questa importante vetrina per il mondo Stationery & Office?

Mariella Nasi Pfeiffer: Big Buyer non solo è il punto di riferimento per tutti i Professionisti del B2B del settore Stationery & Office ma è anche un evento multifunzionale completo, che sa essere un momento d'incontro commercialmente produttivo e culturalmente formativo, che guarda sempre al domani. La Fiera offre reali spunti operativi alle imprese e ai professionisti, ed è una lente d'ingrandimento sui rapidi cambiamenti dei comparti Cartoleria, Cancelleria, Scuola, Festa e Creatività. E Big Buyer è una porta aperta su tutte le novità di prodotto in arrivo – che vengono presentate in anteprima assoluta – e sul continuo processo di evoluzione delle formule di vendita.

Quest’anno il payoff della manifestazione è Business Power. Quale messaggio intendete dare al target di riferimento?

Simonetta Pfeiffer: Big Buyer è un autentico alleato degli affari, un Salone che contribuisce a rendere gli obiettivi economici di industria e distribuzione accessibili e realistici e a dare nuovi slanci alla propria attività, migliorando la marginalità e destagionalizzando il sell out. Potremmo esplicitare così il payoff "Business Power" scelto per l'edizione 2017 della Fiera che, come sempre, mapperà i brand più richiesti, permetterà di individuare i valori aggiunti dei marchi e dei prodotti emergenti, e guarderà con occhio attento alle prospettive di mercato. E sempre in un'ottica di business, Big Buyer è l'occasione ideale per valutare ampliamenti dell'offerta core, per pianificare gli ordini per l'anno successivo e per individuare i servizi pre e post-vendita più adatti per la propria realtà.

Quali sono i numeri di questo evento?

Mariella Nasi Pfeiffer: La crescita di Big Buyer è costante, i numeri che registriamo lo dimostrano e anche per la 22a edizione le premesse sono molto buone: gli spazi espositivi sono al gran completo e le Aziende presenti – provenienti da 26 Paesi differenti – sono circa 280. Sul fronte dei visitatori stimiamo di superare i 7.000 del 2016, soprattutto grazie alle intense attività di comunicazione e advertising – ben targetizzate e customizzate – pianificate dal nostro team marketing che stanno interessando in maniera bilanciata l'Italia e l'estero. Accanto alla totalità della distribuzione nazionale – Grossisti, Fornituristi Ufficio, Buyer della GDO e Dettaglianti – che da sempre prende parte al Salone, prevediamo un incremento significativo dei compratori dei canali emergenti – tra cui le insegne specializzate nel Non Food e le GSS – e dei compratori del Bricolage, del Giocattolo, delle Belle Arti, della Festa e del Promozionale. Ma stiamo lavorando anche per portare in Fiera ancora più responsabili di Concept Store e di Librerie. E a Big Buyer non mancheranno gli operatori dell'e-Commerce e dei marketplace, fulcro del commercio digital, che sta vivendo un'interessante fase di espansione sia come canale indipendente sia come alleato dei punti vendita fisici.

Nelle ultime edizioni è cresciuto il valore dell’internazionalità. Quale plus ha questo fattore per espositori e visitatori?

Simonetta Pfeiffer: Migliorare ulteriormente l'internazionalità è un asset di sviluppo portante della nostra Fiera. Nel parterre sono presenti tutte le più importanti aziende e brand mondiali, che confermano la centralità di Big Buyer nello sviluppo dell'Industria del settore. Durante i tre giorni del Salone le aziende estere hanno modo di relazionarsi direttamente con gli operatori del mercato italiano: un terreno fertile, ricettivo, pronto a scoprire e a valutare tutto ciò che rappresenta il nuovo e che ha ancora interessanti margini di consolidamento. Ed è sempre più globale anche il target di visitatori: i compratori stranieri che partecipano alla Fiera provengono dall'intera Europa, soprattutto da Francia, Spagna, Portogallo, Polonia, Serbia, Romania, Ungheria e Croazia. Senza dimenticare i vantaggi garantiti dall'autentico e rinomato Made In Italy in mostra: a Big Buyer partecipano infatti tutte le migliori realtà italiane, apprezzate per l’alta qualità e per la ricercatezza estetica delle produzioni, da sempre garanzia di valore aggiunto e di eccellenti performance.

Rispetto ai target dell’offerta espositiva (office, hobby&creatività, regalo, scrittura), quali sono i settori più in crescita?

Simonetta Pfeiffer: Individuare i trend di consumo più promettenti, da sempre, fa parte della mission di Big Buyer e questo obiettivo si traduce in un ampliamento costante del panorama espositivo. Per l'edizione 2017, Belle Arti, Party, Regalistica, Cerimonia, Information Technology e Giocattolo sono le categorie in rapida ascesa che avranno un ruolo da protagonisti in Fiera e che, dati alla mano, registrano un interesse importante e trasversale da parte dello shopper. A queste, si affiancheranno tutti gli altri segmenti Stationery & Office ormai consolidati e irrinunciabili nell'ambito del Salone: Scrittura, Scuola, Didattica, Ufficio e Creatività.

Gli eventi correlati rappresentano per Big Buyer un valore aggiunto in termini di proposta di contenuti. Potete anticiparci qualche evento in agenda?

Mariella Nasi Pfeiffer: I meeting di Big Buyer 2017 si focalizzeranno sulle operazioni di marketing, sul web e sulle tecnologie digitali che stanno influenzando il comparto Stationery & Office. Grande attesa per i suggerimenti pratici che fornirà l'interattivo workshop di AssoVisual, l'associazione italiana di riferimento del Visual Merchandising, che si terrà nel primo pomeriggio di giovedì 23 novembre, destinato ai dettaglianti e ai grossisti che vogliono individuare e approfondire gli strumenti per rafforzare l'identità del negozio ed essere sempre al fianco del consumatore.

Nella mattinata di giovedì 23 novembre, al meeting organizzato da AIFU – Associazione Italiana Fornituristi Ufficio, manager ed esperti parleranno invece di e-Commerce e delle piattaforme commerciali online che stanno modificando le “regole” del sell out. Una nuovissima App, che crea un dialogo tra cartolaio e cliente – promuovendo collezioni, iniziative e special price – è il “cuore” del convegno di Federcartolai di venerdì 24 novembre che ospiterà dimostrazioni “in diretta” delle funzionalità della App e testimonianze di cartolai che già la utilizzano con successo.

Ma non è tutto. Il panel degli anniversari aziendali festeggiati a Big Buyer 2017 sarà davvero importante: 125 anni per Caimi Luigi & Figlio, 100 anni di Fellowes, 60 anni per Fratelli Bazzocchi, 40 anni per Smemoranda, 25 anni di C'Art Group. E animeranno la Fiera anche le sempre attese premiazioni Top Design Award, Premio Cultura d'Impresa e Web Stationery Award.

LOGO
© Copyright 2017 - Privacy policy