Staedtler pianta le matite di domani

2 febbraio 2018
Un importante passo verso la crescita sostenibile con l’investimento in una piantagione di alberi da legno in Ecuador. Un’iniziativa che guarda al futuro che permetterà all’azienda di soddisfare il 35-40% del fabbisogno di legno per la propria produzione di matite.
La risorsa rinnovabile legno è una componente essenziale delle matite di grafite e di quelle colorate, e molto rilevante dal punto di vista della sostenibilità: “Il legno costituisce l’essenza stessa delle nostre matite ed è per questo che è fondamentale per Staedtler. È quindi necessario per noi che questa risorsa venga protetta”, commenta Axel Marx, managing director di Staedtler Mars GmbH & Co. KG. Per la produzione di tutte le sue matite di legno l’azienda utilizza esclusivamente legno proveniente da foreste certificate gestite in maniera sostenibile. Possedere una propria piantagione permette di andare oltre: dalla selezione di specie di alberi individuati secondo criteri ecologici ed economici, alle condizioni di coltivazione in linea con severi standard ambientali, dall’attenzione per la flora e la fauna locale fino alla diretta lavorazione del legno, l’azienda sta assumendo il pieno controllo dell’intero processo produttivo, dalla tavoletta di legno alla matita finita.

In seguito a un’estesa ricerca, l’azienda ha infine trovato le condizioni ideali per stabilire la propria piantagione nello stato sudamericano dell’Ecuador. Sarà lì, su un’area di circa 1800 ettari, che saranno coltivati gli alberi che serviranno per la realizzazione delle future matite Staedtler. In quest’area sarà coltivata la Gmelina arborea a crescita rapida, appartenente alla famiglia delle Labiate. “Alcuni anni fa abbiamo assunto un esperto di foreste, a cui abbiamo affidato il compito di osservare da vicino diversi tipi di legno e di esaminare la loro sostenibilità per la produzione di matite. Durante il processo ci siamo imbattuti in un albero dal nome Gmelina, che oltre alla crescita veloce, offre altri vantaggi. Non ha bisogno di impregnante e ha un livello di qualità molto elevato”, sottolinea il managing director dell’azienda.

Nei prossimi dieci anni, Staedtler investirà circa sette milioni di euro nel progetto. Il primo raccolto dovrebbe essere disponibile approssimativamente dopo sei anni. Entro quel periodo sarà ultimato un impianto di produzione adiacente per la lavorazione della tavoletta di legno, dove 60 nuovi dipendenti produrranno tavolette che saranno successivamente utilizzate nel processo di produzione delle matite. L’obiettivo è quello di partire da lì per dotare di impianti di produzione anche Germania, Indonesia e Tailandia. Nel medio termine la piantagione in Ecuador coprirà dal 35 al 40 percento del fabbisogno di legno dell’azienda e permetterà di ridurre significativamente la propria “carbon footprint”, portando evidenti ricadute positive per l’ambiente.

Produrre matite con uno sguardo sempre attento al futuro significa mantenere un alto livello di attenzione verso l’ambiente, impegnandosi ad agire con economica lungimiranza. La decisione di gestire una piantagione propria in Ecuador è pienamente in linea con entrambi gli aspetti. Fino ad ora, per provvedere al proprio fabbisogno di legno, STAEDTLER® ha dovuto rivolgersi ai fornitori. “Investire in una nostra piantagione ci renderà meno dipendenti dai fornitori e aumenterà il nostro livello di produzione interna”, afferma Marx.

LOGO
© Copyright 2018. IncartWeb.net - Privacy policy