F.I.L.A. torna a Venezia con LYRA

31 agosto 2018
L’azienda torna in Laguna collaborando con La Biennale di Venezia in occasione della manifestazione dedicata all'architettura e porta come simbolo distintivo LYRA, oggi Matita Ufficiale delle Attività Educational della 16. Mostra Internazionale di Architettura, in corso dal 26 maggio al 25 novembre. Dal 4 al 7 settembre open day per tutti gli insegnati che vogliono conoscere al meglio l’offerta didattica abbinata a questa nuova Esposizione.
La Mostra, intitolata FREESPACE e curata da Yvonne Farrell e Shelley McNamara, pone al centro dell’attenzione la questione dello spazio, della sua qualità, dello spazio libero e gratuito. In parallelo prendono forma i Percorsi Guidati e le Attività di Laboratorio del Progetto Educational, una serie di proposte differenziate a seconda dell’età dei giovani partecipanti a partire dalle scuole materne fino alle secondarie di II grado. Attività che s’intrecciano appieno con il dna di F.I.L.A., con la sua mission, con la volontà di parlare il linguaggio dei ragazzi, di assecondarli nello spirito creativo e formarli al mondo delle arti. Condotte da operatori selezionati e formati della Biennale, tutte le iniziative puntano sul coinvolgimento attivo dei partecipanti, rileggendo e analizzando i contenuti della Mostra con gli strumenti a loro più vicini.

Tra le variegate proposte, i laboratori tematici con programmi settimanali multidisciplinari, una serie di appuntamenti che vanno incontro alle inclinazioni degli studenti delle scuole primarie e secondarie e dove l’Architettura incontra ad esempio le Scienze (16.10 – 26.10), l’Ambiente (30.10 – 09.11), la Parola (13.11 – 23.11) o la Filosofia (13.11 – 23.11). Ad accompagnare i ragazzi nella fase laboratoriale, la qualità di una grafite di eccellenza, quella delle matite LYRA, la carta di alta qualità CANSON, e tutta l’ampia gamma di prodotti F.I.L.A. nata per dare forma e colore all’ingegno creativo.

Per i più piccoli invece, scuole dell’Infanzia e Primarie, i laboratori pratico-creativi seguono due percorsi differenziati. Uno prende vita nei famosi Giardini e si muove lungo le tematiche della Mostra alla scoperta del senso di umanità che l’architettura contemporanea propone, concentrando l’attenzione sulla qualità degli spazi percepiti e vissuti. Tra le maestose mura dell’Arsenale, sono invece previste delle attività che intendono esaminare e riprogettare i contenuti della Mostra focalizzandosi sulla capacità dell’architettura di offrire spazi liberi, ulteriori, e sulle sue potenzialità di ascoltare desideri inespressi

Un percorso speciale aperto alle scuole ma anche alle famiglie che, abbinato alla visione della Mostra, porta i ragazzi a entrare nel cuore di questa disciplina progettuale e che con la nuova edizione vuole proporre, come recita la presentazione “esempi, proposte, elementi – costruiti o non costruiti – di opere che esemplificano le qualità essenziali dell’architettura: la modulazione, la ricchezza e la materialità delle superfici, l’orchestrazione e la disposizione in sequenza del movimento, rivelando così le potenzialità e la bellezza insite nell’architettura”.


LOGO
© Copyright 2018. IncartWeb.net - Privacy policy